SOLARI GREEN: LA RIVOLUZIONE NEL MONDO DELLE PROTEZIONI

I solari sicuri per la pelle e sicuri per l'ambiente.

SOLARI GREEN: LA RIVOLUZIONE NEL MONDO DELLE PROTEZIONI

Grazie alla crescente e costante sensibilizzazione sui rischi dell’esposizione al sole e relativi danni alla salute della pelle, l’uso di protezioni solari è fortunatamente aumentato, diventando un’abitudine consolidata per sempre più persone, come riportato da Cosmeticaitalia.Recentemente però, diversi studi hanno evidenziato una possibile criticità che riguarda i filtri: l’impatto negativo che possono causare sull’ambiente acquatico.

A partire dal 2017, sono stati evidenziati studi preoccupanti che riguardano la biodiversità a rischio di alcune delle aree marine più belle del mondo, caratterizzate da fondali unici e preziose barriere coralline. E’ stato stimato che negli ultimi 30 anni, quasi il 30% delle barriere coralline è andato irrimediabilmente perduto a causa dell’inquinamento ed i coralli, habitat ideale e risorsa alimentare per varie specie animali e vegetali, stanno soffrendo un progressivo sbianca­mento ed una conseguente incapacità riproduttiva*.

Tra le cause di questi fenomeni si citano la carenza di ossigeno, l’acidificazione ed il progressivo riscaldamento delle acque e la presenza intensiva di rifiuti, in particolare di plastica. Di minore entità, ma comunque di impatto sull’ecosistema marino, la presenza dei filtri solari è stata segnalata come co-fattore di questo disastro ambientale. Si stima infatti che annualmente vengano rilasciate dalle 4.000 alle 6.000 tonnellate di creme solari nelle aree delle barriere coralline tropicali. Data la composizione delle formulazioni SPF difficilmente biodegradabili, è facile capire che anche su questo tema si può fare molto per limitare e possibilmente eliminare questo inutile stress a danno del mondo marino, grazie alla creazione di solari non inquinanti.

La necessità di una risoluzione del problema è tutt’altro che semplice, mancando ad oggi una linea guida unica a livello mondiale e rimanendo ovviamente la necessità di coniugare la protezione dell’ambiente acquatico a quella della pelle della salute delle persone. Tra le soluzioni alternative ai solari tradizionali [ comfort zone ], da sempre impegnata nella ricerca volta a creare cosmetici efficaci, sicuri e altrettanto sostenibili, propone un solare assolutamente innovativo “reef-proof”, ovvero sicuro per l’ambiente acquatico. WATER SOUL ECO SUN CREAM SPF30 è una formulazione ecosostenibile che grazie alla selezione di filtri di ultima generazione e all’assenza di profumo, garantisce una protezione alta e sicura concepita per ridurre l’impatto l’ecosistema acquatico.  

Cosa rende questo prodotto così innovativo?

  1. Protezione ad ampio spettro UVA/UVB con ridotta concentrazione di filtri – circa il 36% in meno rispetto ad un medesimo fattore di protezione tradizionale;
  2. Formula altamente resistente all’acqua – maggior protezione della pelle e riduzione della dispersione di filtri in acqua, fino a circa 80 minuti.
  3. Filtri chimici fotostabili di grandi dimensioni – maggior protezione con un minor assorbimento ed un ridotto accumulo di filtri nei mari.
  4. Assenza di profumazione – per limitare ulteriormente l’inserimento in formula di sostanze difficilmente biodegradabili.
  5. Maggior biodegradabilità della formulazione

Inoltre, grazie alla texture scorrevole del prodotto, WATER SOUL ECO SUNCREAM SPF30 assicura un’applicazione omogenea e sicura, ideale per essere utilizzato sia sul volto che sul corpo. Ideale per tutti i tipi di pelle, il prodotto è particolarmente adatto agli amanti degli sport acquatici ed agli utilizzatori più attenti alle tematiche ambientali.

 

*www.cordis.europa.eu