FOCUS DETERSIONE: COME ORIENTARSI PER SCEGLIERE LE FORMULE PERSONALIZZATE

Per detergere la cute, gli esperti suggeriscono innanzitutto di scegliere i prodotti più adatti, in grado cioè d’interagire con il nostro specifico tipo di pelle. Come sceglierli? I criteri da tenere in considerazione sono molti, tra cui l’età, il tipo di derma e le abitudini di vita e make up. Inoltre, per potenziare l’effetto dei prodotti “su misura” è necessario adottare alcuni piccoli accorgimenti.

FOCUS DETERSIONE: COME ORIENTARSI PER SCEGLIERE LE FORMULE PERSONALIZZATE

ATTENZIONE ALL' IGIENE TROPPO AGGRESSIVA

«Oltre a sebo, impurità, detriti cellulari e polveri sottili, che riescono a infilarsi negli spazi intracellulari, sul viso si stratificano anche residui di creme, filtri solari e soprattutto make up, sempre più waterproof, quindi pulire la pelle alla sera è il gesto essenziale per permetterle di ossigenarsi e rigenerarsi durante il riposo notturno», spiega la dottoressa Magda Belmontesi, dermatologa a Milano. «Ma attenzione agli eccessi di igiene: dopo aver lavato e asciugato il viso, ci vogliono da 10 minuti a 3 ore prima che il film idrolipidico sia rigenerato», avverte la dermatologa. Di conseguenza si suggerisce di non sottoporre la pelle a stress, ponendola a contatto con prodotti troppo aggressivi o lavandola troppe volte durante il giorno: questo potrebbe alterare la naturale azione della barriera idrolipidica del viso, rendendo la cute secca e soggetta a rossore.

I PROGRESSI DELLA SCIENZA VERSO FORMULE PERSONALIZZATE E SEMPRE PIU’ DELICATE

Su futuro e presente della pulizia del viso si è espressa Carlotta del Canale, Technical Marketing Manager di Comfort Zone: “Tra balsami a base oleosa molto sgrassanti, latti detergenti cremosi e delicati,  acque micellari multifunzione,  le formule per la pulizia sono sempre più specializzate», dice l’esperta. «I laboratori stanno lavorando a una progressiva differenziazione delle molecole deputate alla detersione, in modo da personalizzare i prodotti in base alle specifiche caratteristiche di ogni donna, ma anche sempre più verso il rispettare il microbiota cutaneo, cioè l’insieme dei micro organismi positivi che aiutano la pelle nella sua funzione di difesa naturale».